I fiori di Bach

“Tutto cio’ che dobbiamo fare e’ trovare cosa c’e’ di sbagliato con la nostra natura e di prendere le erbe che corrisponde a questo” – Dott. Edward Bach, 1933

Nato nel 1886, il Dr. Edward Bach è stato uno dei pionieri della medicina olistica e naturale. Ha abbandonato la prestigiosa e brillante di omeopata, immunologo, batteriologo che lo vedeva come uno degli elementi di spicco nella Londra dei primi ‘900 per dedicarsi completamente alla scoperta di 38 Rimedi, detti Fiori di Bach, dopo una lunga ed attenta ricerca nel mondo vegetale. 37 di questi Rimedi sono estratti da specifiche varietà di fiori e di piante mentre uno è invece preparato con una particolare acqua di sorgente.

Come tutte le grandi Medicine Tradizionali anche il Dr. Bach sosteneva fermamente che le malattie derivino da situazioni emozionali. Oggigiorno questo è un dato assodato per gran parte dei Medici e la Psiconeuroimmunobiologia definisce scientificamente la relazione tra stress e patologie organiche.
I Fiori di Bach non trattano direttamente le malattie, ma aiutano a riequilibrare le nostre emozioni. Con la riacquistata serenità è più facile vivere in buona salute o mantenere alta la qualità di vita di chi, invece, è purtroppo afflitto da una patologia incurabile. Ciascun Rimedio è indicato per una specifica emozione e aiuta a sviluppare la qualità o virtù corrispondente. Per esempio: una persona irascibile o gelosa dovrà prendere dellagrifoglio (Holly) e la sua rabbia energica e distruttiva diventerà empatia, affetto, calma e amore. Chi ha sofferto a causa di un trauma o di uno shock potrà prendere la Stella di Betlemme (Star of Bethlehem), lenitore di dolori e dispiaceri di cui portiamo ancora traccia
nonostante sia passato del tempo.

I Rimedi di Bach sono sicuri, semplici ed efficaci, sono utili per i bambini, i giovani e gli anziani, per i nostri animali e per le piante. Aiutano a ritrovare la serenità, a superare le difficoltà, a ritrovare pace o coraggio, a toglierci dal dubbio o dalle incertezze. Non hanno controindicazioni e possono essere utilizzati in concomitanza con altre medicine. Non sostituiscono in ogni caso trattamento medico.

Per trovare i Rimedi di cui si ha bisogno non dobbiamo assolutamente pensare alle malattie o ai problemi fisici ma dobbiamo focalizzarci sul nostro carattere, su come reagiamo ai cimenti della vita e analizzare quali emozioni stiamo vivendo.

Basterà scegliere 6, massimo 7 Fiori e farli preparare dal Farmacista. Dalla boccetta ne prenderemo 4 gocce almeno 4 volte al giorno distribuite nell’arco della giornata.

Agrimony tortura mentale dietro un viso allegro
Aspen paura di cose sconosciute
Beech– intolleranza
Centaury incapacità di dire no
Cerato mancanza di fiducia nelle proprie decisioni
Cherry Plum paura di impazzire
Chestnut Bud incapacità di imparare dai propri errori
Chicory amore possessivo
Clematis sognare nel futuro, non essere ancorati al presente
Crab Apple il rimedio di pulizia, per chi non si piace
Elm sopraffatti dalla responsabilità
Gentian scoraggiamento dopo una battuta darresto
Gorse mancanza di speranza, gettare la spugna
Heather – egocentrismo, centrati solo su se stessi
Holly odio, invidia e gelosia
Honeysuckle vivere nel passato
Hornbeam stanchezza al solo pensiero di fare qualcosa
Impatiens impazienza
Larch mancanza di fiducia nelle proprie capacità
Mimulus paura di cose conosciute
Mustard profonda malinconia, tristezza senza motivo
Oak lo sgobbone che continua ad andare avanti
Olive – stanchezza esaurimento fisico o sforzo mentale
Pine senso di colpa
Red Chestnut paura e ansie per i propri cari
Rock Rose terrore
Rock Water abnegazione, rigidità verso se stessi
Scleranthus incapacità di scegliere tra due alternative
Star of Bethlehem shock fisico e mentale
Sweet Chestnut angoscia mentale estrema, disperazione estrema
Vervain eccesso di entusiasmo
Vine dominanza e inflessibilità
Walnut protezione dai cambiamenti e dalle influenze indesiderate
Water Violet – riservatezza e distacco
White Chestnut pensieri indesiderati e ricorrenti
Wild Oat incertezza sulla propria direzione nella vita
Wild Rose rassegnazione, apatia
Willow autocommiserazione e risentimento, lamento

Il sistema include anche unoriginale combinazione di 5 Fiori, un Rimedio demergenza, lunico lasciatoci dal Dr. Bach. E’ il Rimedio più famoso la cui efficacia è testimoniata da milioni di persone nel mondo, infatti in ogni momento di emergenza sono in gioco almeno una delle 5 emozioni del Rimedio (Trauma, shock, lutto (Star of Bethlehem) Terrore, panico (Rock Rose) Paura di perdere il controllo (Cherry Plum) – Agitazione, irritabilità (Impatiens) – Perdita del contato con la realtà (Clematis).

In commercio si trovano altre combinazioni pre-miscelate che però spesso risultano non efficaci poiché non sono scelte individualmente e quindi i Rimedi in esse contenute non sempre corrispondono alle emozioni che la persona sta vivendo visto che non si conosce nulla del Cliente e presuppongono che tutti reagiamo allo stesso modo.

Questo può essere un limite allefficacia del Metodo per vari motivi: i Rimedi contenuti nel mix potrebbero non contenere quelli giusti per la persona, troppi Rimedi rallentano il lavoro di quelli veramente necessari ed infine potrebbero portare la persona a pensare che il Metodo dei Fiori di Bach non sia efficace.

Affinché un Rimedio funzioni deve essere scelto individualmente e deve essere presente la specifica emozione.

In ultimo, se consideriamo la filosofia che accompagna il Metodo, la malattia ha lo scopo di farci apprendere e crescere. Nel momento in cui ci sediamo a scegliere il Rimedio giusto significa che sto riconoscendo la mia emozione.

Qual è il dentifricio per bambini più adeguato?

Qual è il dentifricio per bambini più adeguato?

La carie è una malattia causata da molti fattori, il più importante dei quali è ligiene orale, per grandi e piccini; pertanto utilizzare quotidianamente lo spazzolino con un dentifricio senza fluoro o con una piccola quantità di questo composto può essere lideale se tutte le altre cause che originano la carie come lo zucchero o la genetica, per esempio sono sotto controllo.

Quando il rischio carie è maggiore, è quando si ha bisogno di un dentifricio almeno 1000 parti per milione ( ppm ) di fluoruro; rimedio necessario anche se si tratta di un bambino molto piccolo. In ogni caso, è sempre consigliabile andare da un dentista specializzato in patologie infantili che può definire la quantità consigliata. È molto importante che i genitori consultino questi professionisti e ne comprendano il valore; la prima visita è consigliata dal primo dentino, così evita il rischio di carie e si prevengono eventuali complicazioni della salute infantile .

Qual è la quantita di dentifricio consigliata per i più piccoli?

Nei bambini 0-2 anni di età, se si tratta di pazienti a basso rischio di carie, e soprattutto, fino a quando si impara a sputare, non è necessario luso del dentifricio; se il rischio di carie è maggiore, usare una quantità molto limitata di dentifricio con 1000 ppm è sufficiente. E dalletà di 2 anni, quando tutti i bambini dovrebbero iniziare la loro disciplinata igiene dentale; il dentifricio al fluoro tra il 1000 e il 1450 ppm, in piccole quantità e almeno 2 volte al giorno dopo ogni pasto .

Per quanto tempo è necessario il controllo dei genitori ?

Si consiglia ai genitori stessi che si occupino di lavare i denti dei bambini  fino a 3 anni, da quel momento, luso dello spazzolino da denti deve essere controllato da loro; si dovrebbe renderli autosufficienti per questo tipo di cura almeno alletà di  8 anni, in poche parole quando è possibile dare autonomia ai figli per la propria igiene orale facciamo solo il loro bene.

Conclusioni

Perchè i bambini abbiano una salute orale ottimale è necessario che seguano queste linee guida:

Andare dal dentista nel primo anno di vita (preferibilmente un dentista specializzato per bambini) per valutare il rischio di carie e di ricevere adeguate istruzioni di igiene orale.

Se il rischio carie non è elevato, non usare il dentifricio i primi due anni (o fino a quando il bambino impari a sputare, per lesattezza) è molto importante.

Se il rischio carie è medio o alto, al contrario, luso del dentifricio contenente fluoruro di almeno 1000 ppm, e in una quantità molto piccola due volte al giorno è raccomandata, dopo i pasti.

Il genitore deve spazzolare i denti del proprio bambino fino alletà di 3 e poi controllarlo almeno fino agli 8 anni.

Le lampade HQI

Le lampade HQI, lampade agli iogenuri metallici funzionano con i vapori di mercurio cui vengono aggiunti sali di differenti alogeni, quali il cromo, il fluoro, lo iodio, etc.
La gamma luminosa offerta dalle lampade HQI risulta essere più completa di quella offerta dalle lampade hql.
Anche in questo caso, i costi sono maggiori rispetto ai tubi al neon.
In termini di acquisto e di consumo energetico, ma se optiamo per l’acquario scoperto dovremo decidere se adottare lampade HQI oppure HQL.
Bene dire che in entrambi i casi, e con le dovute differenze che possono risultare soggettive per ogni acquario, abbiamo ormai a che fare con prodotti che hanno raggiunto un livello qualitativo che offre garanzia e sicurezza nell’impiego, anche ovviamente in termini di risultati, ovvero la giusta illuminazione che farà crescere rigoliose le nostre piante.
Io per molti anni ho impiegato le lampade HQL, e mi sono sempre trovato bene, e dal momento che squadra che vince non si cambia, non ho mai azzardato a rompere l’equilibrio creato da momento che è sempre andato benissimo così.

Dovessi allestire però un nuovo acquario scoperto, prenderei in seria considerazione l’impiego di lampade ad alogenuri metallici, che risultano essere, se posso permettermi questa definizione, una evoluzione delle lampade HQL.
Il rapporto tra potenza/consumo risulta infatti essere migliore con le lampade HQI.
Sia le HQI quanto le HQL non hanno prezzi abbordabili, non sono economiche, è da ricordare. La loro spesa può essere ammortizzata nel tempo grazie al loro impiego, ma rappresentano comunque un investimento da parte nostra.
Ovvio anche che, chi decide di allestire un acquario scoperto, è conscio di dover affrontare maggiori spese decidendo di adottare questo tipo di lampade.
Le lampade HQI destinate ad utilizzo in acquario, devono obbligatoriamente avere incorporata nella plafoniera la protezione apposita per i raggi UV, anche per questo sono particolarmente costose.
Cimentarsi nell’autocostruzione di questo speciale tipo di lampade, significa avere una almeno minima esperienza, andando a reperire da grandi distributori di prodotti elettrici tutto il necessario ed apportandone le dovute modifiche (filtro che ripara dai raggi UV, alette di raffreddamento apposite…), ed a conti fatti certamente avremmo un bel risparmio; rimane anche da stabilire se la resa luminosa può essere egualmente apprezzabile e sicura per il nostro acquario.